lunedì 25 agosto 2008

La giostra

Poco dopo Ferragosto, dopo vari annunci l’intero comprensorio dei paesi gravitanti intorno al Vesuvio, è rimasto a secco nel vero senso della parola.

Interrompere la fornitura di acqua in un momento come questo, se pur con validi motivi, è davvero il peggio che poteva capitare a tanti cittadini, me compreso.

E’ una corsa contro il tempo a riempire taniche e altri recipienti, per far fronte fino a domenica alla mancanza del prezioso liquido, che nessuno apprezza realmente quando non c’è penuria.

Tornano attuali le campagne sostenute da Padre Alex Zanotelli, e anche da Beppe Grillo, per liberalizzare e non privatizzare sempre di più risorse così importanti e vitali per le popolazioni di tutto il mondo e di tutti i continenti.

Soffriremo fino a domenica poi l’acqua tornerà, ma dove non tornerà mai se i governi di quei paesi non si attiveranno per cercarla e difenderla dandola a tutti, è nei lontani paesi dove è a lungo vissuto Alex Zanottelli, i paesi dell’Africa, che rispondono ai nomi tristemente famosi del Darfur, Somalia, e altri luoghi simili, dove le classi dirigenti vivono di rendita parassitaria.

Lì l’acqua è la vita, la sopravvivenza nuda e cruda; spesso essa dista dai villaggi di quelle lontane popolazioni diversi chilometri, e il lavoro più duro di raccolta spetta alle donne e ai bambini.

Il mondo occidentale sta a guardare, mentre i governanti locali impigliati nei loro interessi burocratici nulla fanno a riguardo, o fanno troppo poco, e la grande cooperazione internazionale dovrebbe percorrere meno la via degli aiuti sotto forma di derrate alimentari e scorte che come la cronaca insegna, finiscono per accaparrarsi i soliti furfanti, e incentivare e diffondere, fornendo gli aiuti tecnici, la cultura della ricerca in proprio e della gestione delle risorse per essere autosufficienti.

Dare ai contadini le sementi e gli attrezzi agricoli per coltivare il campo con il quale nutrire e provvedere alla propria famiglia, fornire indicazioni per come captare l’acqua delle sorgenti, incanalarla e renderla disponibile a tutti anche per gli usi agricoli.

Ma non c’è peggior sordo di chi non voglia sentire, e così tutto resta com’è, e i passi avanti sono sempre più lenti e la penuria e la siccità devasta intere popolazioni ridotte allo stremo.

E’ ora di capovolgere l’andazzo, il mondo occidentale e le grandi potenze mondiali potrebbero con un solo granello dei loro investimenti in armamenti salvare intere regioni del pianeta, alleviare le sofferenze di tanti, soprattutto di bambini, donne, vecchi e malati.

Capitolo a parte per i medicinali che quelle popolazioni vedono o assumono di rado, e grazie quasi sempre a missionari italiani e di altri paesi, e all’opera meritoria della Croce Rossa Internazionale, che è da sempre sui territori il presidio per eccellenza.

Mentre sui fronti di guerra lo è Emergency, e la sua figura carismatica che è Gino Strada, senza nulla togliere a tanti altri volontari, medici soprattutto e personale infermieristico specializzato, che prestano la loro opera in condizioni proibitive senza alcun lucro, ma solo perché sentono il prossimo. Quel prossimo di cui si narra nei comandamenti, laddove dice “ Ama il prossimo tuo come te stesso “.

Le grandi case farmaceutiche poi non hanno interesse a investire in ricerche per patologie tipiche di quelle aree depresse, e così non ci sono alternative se non affidarsi a rimedi popolari oppure a medicinali collaterali o di comparaggio.

Sono in vena di cattiverie, mi spingo a pensare che il massiccio interessamento di tanti nazioni in questi anni per debellare il flagello dell’AIDS, in ultima analisi è stato possibile perché la peste moderna ormai minacciava troppo da vicino il mondo occidentale, per poterlo ignorare.

Susan Sontag, saggista americana scomparsa da qualche anno, in un suo testo molto importante dal titolo “ Malattia come metafora “ segnalava come il malato da sempre storicamente e fino ai giorni nostri, portasse addosso la croce di una duplice sofferenza; quella del male vero e proprio e quello della sua configurazione quasi diabolica, da appestati moderni da evitare, da scansare ( vedi in passato la peste, e nel mondo moderno l’aids ).

Sono partito con l’acqua che ci ha guastato alcuni giorni e poi sono scivolato su chi l’acqua l’insegue come un miraggio, e su che cosa si potrebbe fare per fargliela arrivare.

Poi è stata la volta delle grandi epidemie, delle tante malattie che affliggono tanti popoli della terra, a cui spesso quando possiamo inviamo un piccolo contributo in denaro, tramite bollettini di conto corrente postale che organizzazioni umanitarie ci fanno arrivare in busta al nostro indirizzo.

E i fronti di guerra, che anziché diminuire sembrano aumentare sempre di più; quasi ogni giorno in un angolo sperduto del mappamondo si accende una contesa, tra popoli vicini, ma di etnie diverse, spesso fanno a gara a chi è più povero, e non per questo rinunciano all’uso di armi micidiali, oppure di terribili mine ( anche l’Italia si è distinta come produttrice ) che tra tutti gli strumenti di morte e di offesa, è quella più abominevole, perché non la puoi scansare, non lo sai dov’è stata interrata, e così un giorno, tra tanti giorni, chi la calpesterà soprattutto bambini ignari, avrà un arto che volerà via. Si calcola che sui fronti di guerra, anche dove ora regna la pace, un numero imprecisato, ma altissimo di questi ordigni dorme in silenzio nel terreno, e le operazioni di sminamento, molto costose vanno avanti con molta fatica.

Dopo la seconda guerra mondiale, sembrava che nulla più dovesse o potesse accadere, troppo grandi erano state le sofferenze e il dolore di intere nazioni, per poter consapevolmente pensare all’idea di guerra.

Ora si accendono invece tanti piccoli conflitti locali, o circoscritti a regioni anche importanti e molto estese della terra, che a ben guardare non sono poi così piccoli, e che mietono tante vittime.

C’è in giro per il mondo un delirio collettivo che alcune nazioni alimentano consapevolmente, per trarne benefici di varia natura, soprattutto sfruttamento di risorse e per la corsa frenetica all’oro nero.

Aveva ragione qualche anno fa Giorgio Bocca, a titolare profeticamente un suo testo “ Fermate il mondo, voglio scendere “.

La giostra gira sempre più veloce, e mi è venuta l’emicrania, perciò qui mi fermo.

Categories

abisso (1) abitazioni fatisccenti (1) abusi dei media (1) abusivismo (1) abuso sui minori (1) accoglienza (2) acque cristalline (1) Addio al filosofo Aniello Montano voce limpida e possente (1) adriano celentano (1) Agerola (1) Agosto (1) Agosto dei fuochi (1) aids (1) aiuto (2) alberi millenari (1) alchimia (1) alcool (1) ambiente (6) amicizia (1) Angrisano (1) anni sessanta (1) antichi borgi (1) antologica ugo marano al frac (1) Antonio Ciraci (1) Antonio Davide (1) approfondimenti tematici (1) Archeo Club 1989-2009: un ventennio di febbrile attività (1) archiettura (1) Area 24 art gallery (1) arte contemporanea (1) Arte e Ambiente (1) arte e emergenze ambientali (1) ArteCinema 2013 (1) arti visive (2) Artiaco 2014 (1) artisti solitari (1) arturo ianniello (1) Aspettando Obama (2) Augè (1) Autori e lettori dietro le sbarre (1) avanguardie (1) bambini (1) banca (1) Battisti (1) Benoit Conort (1) bohème (1) Boris Pahor: bisogna imparare a rispettare il corpo degli altri (1) brulichio dell'azzuro (1) bruno giordano (1) Buon lavoro Presidente (1) buonabitacolo (1) cagliari come sarno (1) camera oscura (1) campi di calcetto (1) Campi Flegrei (1) cani e gatti (1) cani senza nome (1) cantautori (1) carte trasparenti scenari (1) Castel dell'Ovo (2) Castellabate (1) Castello dell'Abate (1) Castello Monastero di Casaluce (1) cecchini (1) Cézanne (1) cicli (1) Cilento (1) cimitero (1) cinema (1) Circoli Artistici (1) Ciro Vitale (1) ciro vitiello (1) Come la passione (1) Compagni di strada (1) Conferenza e Mostra di Arturo Casanova (1) conflitto nei Balcani (1) contaminazioni (1) contestazione (1) contesto storico (2) convegno a Nola (1) convegno su Nitsch (1) corpi violati (1) corpo a corpo (1) Correale (1) costume (1) crisi (1) cronaca nera (1) Crotone (1) cubismo (1) cultura (2) cultura americana (1) Dalla pittura allo schermo (1) dalla terra dei fuochi (1) dalla terra dei fuochi performance museo civico roccarainola (1) degrado (1) delitto Avetrana (1) desaparecido (1) design (1) devastazione ambientale (1) di mezzo il mare (1) Diana D'Ambrosio e Franco Tirelli al Summarte di Somma Vesuviana (1) dimenticati (1) diritti umani (1) Disturb Scafati (1) dittatura (1) dittature (1) diversità (1) divertimento (1) dolore (1) Domenico (1) Domenico Fatigati ad Aversa. Altri Luoghi (1) Domenico Modugno (1) Donne in carne ed ossa (1) Dorfles (1) durata (1) edgar morin (1) editoria (1) Elogio del Cantar Storie di SalvatoreCasaburi (1) emarginazione (1) emergenza ambientale (1) emergenza cagliari (1) Emilio Villa (1) enti di natura (2) Enzo Cucchi (1) Enzo Marino (2) enzo rega (1) Equilibrio Compositivo di Fatigati (1) ercolano (1) ernesto de martino (1) Ernesto Terlizzi (1) eruzioni (1) ESENIN (1) esoterismo (1) esperimento culturale (1) EST MEMORIALE (1) estrazione contadina (1) esule (1) extracomunitari (1) Fabio Donato (1) Falleria La Conchiglia di Torino (1) faro (1) Fatigati (1) Fatigati alla Feltrinelli (1) Favara (1) febbraio 2015 (1) fede cieca (1) ferie (1) Ferro 3 (1) Fieramosca (1) film e documentari sull'arte (1) filosofia (1) fiordo (1) Fondazione Morra (1) Forma Artis (1) fosse comune (1) fosse comuni (1) foto ingannevoli (1) fotografia (5) franchismo (1) franco capasso (3) franco capasso poeta in chiarissima luce (1) frontiera (1) fuga (2) funerali (1) futurismo (1) Gaetano Romano (4) Gallo. (1) garcìa lorca (1) genio (1) genius loci (1) gente di rispetto (1) geometrie del vedere (1) Gerolamo Casertano al Pan (1) Gezim Hajdari: il corpo (1) Gibellina (1) Gines Vincente Fernandez (1) Giorgio De Chirico e 36 Artisti Contemporanei a TELAVIV (1) giugno popolare vesuviano (1) GiugnoPopolare Vesuviano (1) Giulio e Danilo De Mitri al FRAC (1) gomorra (1) guerra civile spagnola (1) Hommage au festval Polyphonix (1) i festival multiartistico (1) i giri d'angolo di salvatore violante a san giuseppe vesuviano (1) Iazzetta (1) il coraggio della poesia (2) IL CORPO E L'ANIMA (1) Il Futurismo (1) Il killer silenzioso (1) il laboratorio di Vittorio Avella (2) Ilia Tufano (1) illuminazioni (1) Imagocollettiva di artisti (1) incidente (1) incisioni (1) India 70 (1) infanzia (2) Informazione (9) Ingeborg Bachaman (1) inquinamento (1) installazioni (1) isabella nurigiani (1) joe lansdale (1) killer senza nome (1) Km 1720 (1) Kouros Aversa (1) l'aldilà (1) l'artista e il suo travaglio (1) L'Eleganza Discreta della Tecnica (1) l'elmo (1) L'Inquieta Giovinezza (2) L'occhio dell’ arte (1) L’amara scienza di Luigi Compagnone (1) L’isola che aspetta (1) l’orfano (1) L’uomo essere naturale (1) la barca/piroga e altre storie (1) la belva (1) la donna senza volto (1) La Memoria dell'Oblio (1) La notte volgeva verso l’alba (1) La piovra è ovunque (1) la poesia (1) la solitudine dello scrittore (1) Laboratorio Creativo 1974/1976 (1) lager nazisti (1) lago d'Averno (1) lava (1) lavoro nero (1) le protagoniste femminili (1) legalità (3) Leone d'Oro Venezia 2013 (1) Leopardi e Chopin nei loro rapporti con i genitori (1) Lessio e Fatigati (1) lettera di franco capasso a jean-charles vegliante (1) Letteratura (6) libertà (1) liceo E.Medi di Cicciano (1) Liceo Parmenide (1) liliana borriello (5) lingua di fuoco (1) Longobardo (1) luce e materia (1) luci della memoria (1) Ludovico Corrao (1) Luigi Fontanella (1) Luigi Ghirri (1) Luisa Bossa (1) luoghi (3) mafia (1) Maggio 2005 (1) maggio 2014 palazzo mediceo ottaviano (1) Magnani (1) malattia mentale (1) Maram (1) Maram al-Masri (1) Marcello Cinque (3) Marcianise-Caserta. (1) Maria Zambrano (1) Mario Lanzione al Frac di Baronissi (1) Mario Persico (1) Marte (1) Mathelda Balatresi (1) mediterraneo (1) Metart Maggio 2004 (1) Miche Sovente (1) mimmo beneventano (1) Mimmo Beneventano vittime di camorra (1) Mine in Fiore (1) minoranze (1) Miriam Makeba (1) missione dell'artista (1) morale (1) mostra a cura di Rosemarie Sansonetti Bisceglie (1) mostra area 24 art gallery napoli (1) mostra Franco Cipriano allo Spazio Zero 11 (1) Mostra l'Officina Calcografica Il Laboratorio di Nola alla Grafica Metelliana (1) mostre arti visive (1) munch (1) museo madre di Napoli (2) Museo Pino Pascali (1) nato a rocca (1) Nato di Vincenzo De Simone (1) natura astratta e informale (1) Natura Reale di Felix Policastro (1) Nel vento solare della luce (1) nicola oddati (1) Nola (1) Non ci fu appello (1) Non colpite Selim (1) non-luoghi (1) notti di solstizio (1) Obama (1) occidente (1) oppositori (1) Orestiadi (1) oriente (1) Oriundi Superfici Sotterranee Maria Eudòxia Mellào (1) oscillazioni del gusto (1) ostinazione (1) ottavian art festival (1) Ottaviano (1) Paesaggi (7) paesaggio (1) Pagea Art (1) palafitte (1) palazzo mediceo ottaviano (1) paolo naldi (1) parigi (1) parola (1) Pasolini (1) Pasquale Cappuccio (1) pedofilia (1) Peppe Pappa (1) performace al museo civico roccarainola (1) Pier Paolo Patti e Ciro Vitale al DISTURB Scafati (1) pino daniele (1) pippo del bono (1) piromani (1) pittura (1) poesia (2) poesia contemporanea (1) poeta scomparso (1) poeti (1) Poeti dietro le sbarre (1) Polignano a Mare (1) Politelli (1) presentazione catalogo Carmine Di Ruggiero (1) Prigioniera dei colori (1) Prigionieri dei colori (1) Primavera dell'arte (1) principe di San Severo (1) profondità (1) profondo Sud (1) Progetti Minimi (1) provocazione (1) psiche (1) pubblico e privato (1) pulizia etnica (1) quaderno (1) quadrelle (1) qurantennale de La Roggia (1) radici (1) raffaele cantone (1) raffaele falcone (1) Rauschenberg (1) renato barisani (1) ribellione (1) Riccardo Dalisi (1) ricerca (1) rifiuti (1) rifiuto (1) rigenerazione (1) riscatto (1) risorgere alla vita (1) roberto saviano (3) rom (1) Rosaria Iazzetta (1) Rosario e Luigi Mazzella in dialogo con le Matres (1) rosarno (1) Rossellini (1) Sacro GRA di Gianfranco Rosi (1) saggistica (1) salento (1) salvaguardia (1) Salvatore Violante (1) Sassi di Matera (1) scavi archeologici (1) sciagura abruzzo (1) scomparsa Angelo Vassallo (1) Scomparsa Camillo Capolongo (1) Scritti d'Arte (14) Scritti di Prisco De Vivo (3) scultura contemporanea (1) scuole (1) secondo appuntamento con il Futurismo a Nola (1) sfruttamento (3) SIANI REPORTAGE PRIZE 2013 (1) sisma abruzzo (2) sociale (1) sogno (1) solidarietà (2) Solo per giustizia (2) Sotto gli occhi di tutti (1) sperimentazione (1) Sperimentazione Plastiche (1) Sperimentazione Plastiche e Resine (1) Sperimentazione Resine (1) spoliazione (1) stagioni (1) storia e internazionalità. al Tamarin Business Center (1) storie di artisti (1) storie di donne e d ribellione (1) strage (1) Suketu Mehta (1) Summarte (1) Sylvia Plath (1) Taide (1) teatro (1) teatro popolare campano e meridionale (1) Telemachos Pateris : Il Labirinto della Memoria (1) Terra de Fuochi (1) terra del rimorso (1) terra madre (1) terremoto abruzzo (3) territorio (1) testo critico (1) Togliere il nome alle cose (1) transitory (1) Tuba (1) turismo (1) Tutto il mio folle amore (1) ulivo (1) Un legittimo pensiero (1) un poeta in viaggio (1) Un volto e un nome (1) unacoppiadi artisti in viaggio (1) unicità dello stile (1) Vallo della Lucania (1) veggente dell'arte (1) Venturo (1) viaggio (1) villaggio (1) vIncenzo de simone (1) vini (1) violenza (1) visi parlanti (1) Vittorio Avella (1) voci dal carcere (1) Voci dalla terra vesuviana (1) Volti di donna nella vita di G. Leopardi e F. Chopin (1) vulcano (1) Witkin (1) world social summit (1) XIII Edizione Land Art Campi Flegrei (1) xxi edizione festa del merlo maschio di Saviano (1)